FURETTI ONLINE
Registrati ! E' semplice e gratuito!
Ricordati di presentarti una volta registrato/a così potremo darti una mano a destreggiarti nel forum!
Buona permanenza!
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» quasi buon halloween a tutti!
Lun Nov 04, 2013 6:28 am Da laely

» Fine delle vacanze :-(
Dom Ott 27, 2013 2:11 pm Da laely

» Il ritorno di Dinamite
Ven Ott 25, 2013 8:12 pm Da Albatros

» Il Tristo Bannatore nomina:
Ven Ott 25, 2013 7:54 pm Da TRISTO BANNATORE

» Roar-Katy Perry
Dom Ott 13, 2013 6:45 pm Da Goan

» Applause-Lady Gaga
Dom Ott 13, 2013 6:43 pm Da Goan

» Un vero talento...
Dom Ott 13, 2013 6:42 pm Da Goan

» Animali d'affezione - chi sono?
Gio Lug 11, 2013 7:53 am Da Albatros

» Leggere con attenzione
Gio Lug 11, 2013 7:45 am Da Albatros

Statistiche
Abbiamo 22 membri registrati
L'ultimo utente registrato è sincekiriaos

I nostri membri hanno inviato un totale di 968 messaggi in 254 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 19 il Dom Dic 25, 2011 9:59 am

METODI ALTERNATIVI ALLA VIVISEZIONE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

METODI ALTERNATIVI ALLA VIVISEZIONE

Messaggio  Albatros il Sab Dic 03, 2011 1:24 pm

Alla fine del 2001 il Ministero della Salute ha reso noti i dati relativi al numero di animali impiegati in Italia per scopi scientifici, e ai campi di applicazione della vivisezione. Rispetto ai dati ufficiali pubblicati in Gazzetta Ufficiale nel 1998, si registra una diminuzione che conferma il trend già in atto nel biennio precedente 1996-1997: i numeri testimoniano un calo del numero di animali impiegati da un totale di 1.147.551 del 1997 ai 905.603 del 2000.
Il dato è tuttavia solo apparentemente confortante: a fronte della diminuzione del numero di animali impiegati, infatti, nell’ultimo triennio di cui si hanno dati ufficiali disponibili (2000-2002), si registra in parallelo un aumento degli esperimenti in deroga, ovvero gli esperimenti condotti a scopo didattico e/o senza anestesia su cani, gatti e primati non umani; e una stima approssimata rileva che quelli “in deroga” risultano essere circa il 20% del totale degli esperimenti. Questo dato, finora inedito, stride con ciò che la normativa vigente in materia prevede (Dl 116/92), ovvero che gli esperimenti condotti sulle specie di cui sopra oppure eseguiti senza ricorrere all’anestesia o a scopo didattico dovrebbero essere autorizzati solo in caso di dimostrata inderogabile necessità.
Si tratta dell’inquietante realtà che emerge dal Rapporto LAV 2004 La vivisezione in Italia regione per regione, pubblicato nella primavera del 2004, che rappresenta la prima indagine completa sulla sperimentazione animale nel nostro paese.
Il Rapporto è frutto della elaborazione dei dati ottenuti dalla LAV dal Ministero della Salute grazie a una sentenza vinta nel 1997 presso il TAR del Lazio e di un’indagine durata oltre un anno presso Uffici Territoriali del Governo (UTG, ex Prefetture), ASL e Comuni.

Metodi alternativi
L’analisi effettuata dalla LAV su centinaia di protocolli sperimentali, provenienti da tutta Italia, inviati dai ricercatori Ministero della Salute prima di apprestarsi a svolgere esperimenti su animali, dimostra un grave inadempimento da parte degli utilizzatori. Infatti, non uno dei protocolli riporta una giustificazione dettagliata e circostanziata sul ricorso all’animale a causa dell’impossibilità di impiegare tecniche sostitutive. Queste, sembra, vengono semplicemente ignorate; forse perché, come molti utilizzatori di animali ritengono, le colture cellulari (uno dei metodi più diffusi che non fanno uso di animali), non sono efficaci quanto l’animale stesso.
Eppure un importante dato emerso a questo riguardo nella stesura del Rapporto LAV 2004 La vivisezione in Italia regione per regione è che quasi il 40% degli animali viene ucciso con il solo scopo di allestire colture cellulari; se al posto di questi venissero impiegati tessuti umani provenienti da biopsie, interventi chirurgici di vario tipo o da cadavere, si risparmierebbe la vita a circa 400.000 animali ogni anno.
Dal 2003 anche l’Italia è dotata di un organo per la diffusione dei metodi alternativi, l’IPAM (Italian Platform on Alternative Methods), costituita, come tutte le piattaforme degli altri paesi europei, da rappresentanti di quattro aeree di interesse: istituzioni governative, industria, mondo scientifico (università/enti di ricerca), organizzazioni animaliste e per il benessere animale, e che conta fra i suoi soci fondatori e sostenitori la stessa LAV. Il compito principale dell’IPAM è quello di promuovere e favorire l’implementazione dei metodi alternativi favorendo lo scambio di informazioni scientifiche e di competenze tra le quattro aeree, dando impulso all’ulteriore sviluppo e perfezionamento dei metodi alternativi alla sperimentazione animale in Italia, sensibilizzando l’opinione pubblica, il governo e gli stabilimenti utilizzatori, affinché, nella pratica della sperimentazione, vengano più facilmente accettati i metodi alternativi disponibili.

Obiezione di coscienza
Nel febbraio 2004 la LAV ha rilanciato la campagna sul tema dell’obiezione di coscienza alla sperimentazione animale per la diffusione della legge 413/93 (che riconosce a studenti e ricercatori il diritto a dichiararsi obiettori alla sperimentazione animale), attraverso la produzione di un opuscolo informativo e una locandina, distribuiti in tutta Italia, compresi diversi atenei che sono stati contattati singolarmente.
Circa la metà delle quasi 50 università italiane con facoltà di tipo biomedico hanno risposto alle nostre istanze relative alle modalità di pubblicizzazione della legge in materia positiva, spesso richiedendo esse stesse il materiale divulgativo per garantire a tutti gli studenti l’accesso a questo importante diritto, storica vittoria della LAV.
È tuttavia preoccupante rilevare quanto ancora questa legge – ormai in vigore da undici anni – venga ancora troppo spesso ignorata, e che in alcuni casi sia servito l’intervento di un’associazione e del suo legale per ottenere la semplice comunicazione di un diritto. In alcuni casi risulta poco chiaro il fatto che l’obiezione di coscienza sia applicabile per tutti i casi connessi alla sperimentazione animale, e non solo all’ambito didattico, sebbene sia questo quello nel quale l’esercizio della legge abbia più senso di esistere. In realtà già oltre il 70% delle esercitazioni didattiche in Italia non ricorre all’impiego di animali, e questo testimonia la loro inutilità in questo settore.
Si rileva invece una preoccupante diffusione dell’impiego di suini per esercitazioni chirurgiche post laurea; rispetto a questo il Ministero della salute dimostra una certa inerzia, dal momento che queste attività rientrano nell’alto computo degli “esperimenti in deroga”, le cui autorizzazioni vengono rilasciate da questo stesso dicastero, il quale non sembra affatto operare un vaglio per stabilire l’effettiva necessità del ricorso ad animali. I maiali vengono impiegati, infatti, nonostante esistano simulatori virtuali o addirittura contemporaneamente ad essi, contravvenendo al dettame normativo per cui in presenza di un metodo alternativo l’animale non può essere impiegato.

Cosmetici
Sono circa 45.000 gli animali che ogni anno muoiono sfigurati da rossetti, intossicati da profumi, bruciati da creme e saponi. Eppure, sono più di 8.000 gli ingredienti già disponibili per le aziende e centinaia i metodi alternativi di ricerca.
Diversi sondaggi in tutta Europa hanno dimostrato che la maggioranza delle persone non crede che sviluppare nuovi cosmetici sia una valida giustificazione per far soffrire e uccidere animali.
Prosegue il lavoro della LAV per la sensibilizzazione dei consumatori verso cosmetici non testati su animali, grazie all’adesione allo Humane Cosmetic Standard, l’unico standard riconosciuto a livello internazionale che fissa i criteri per l’approvazione di una ditta cosmetica che produce senza il ricorso ai test su animali.
Dopo l’edizione del 1998, la LAV è alla stesura della sua seconda Guida ai prodotti cosmetici non sperimentati su animali, che prevede l’ingresso di una nuova figura come garante degli impegni presi dalle aziende: ICEA, l’Istituto di Certificazione Etica e Ambientale, ente che si occuperà di eseguire i controlli nelle aziende approvate in base allo standard internazionale per verificarne la loro conformità.
Dalla fine di quest’anno sarà possibile riconoscere i cosmetici non testati su animali grazie alla dicitura:

Stop ai Test su Animali
Approvato da LAV (Lega Anti Vivisezione) (www.infolav.org)
Controllato da I.C.E.A. (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale)
(www.icea.info) n. 000

Dal 2005 sarà presente anche il logo della European Coalition to End Animal Experiments (ECEAE), che gestisce lo standard e di cui la LAV è membro. Man mano che nuove aziende decideranno di aderire allo Standard verrà aggiornata la lista sul sito web della LAV; rispetto alla precedente edizione è stato registrato un incremento nelle aziende aderenti, sebbene non così importante come la LAV si era aspettata.
A questo proposito Unipro, l’associazione italiana dei produttori di cosmetici, ha contribuito a non far decollare lo standard invitando i propri soci a non aderirvi, evidentemente per evitare una discrezione del consumatore tra aziende impegnate eticamente nel rispetto per gli animali e le altre.

Questo testo è tratto dal volume:
Animali non bestie Difendere i diritti, denunciare i maltrattamenti, a cura di Gianluca Felicetti, pubblicato da Edizioni Ambiente nel 2004.

_________________

CROCE DI BENEMERENZA PER I SOCI FONDATORI U.N.F.I.
CROCE DI BENEMERENZA PER I FONDATORI DEL FORUM
avatar
Albatros
Admin
Admin

Messaggi : 413

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum